Commissione per gli Ordini e i Ministeri

Con decreto del 19 settembre 2018 il vescovo Massimo Camisasca ha rinnovato la Commissione per gli Ordini e i Ministeri per il prossimo triennio 2018-2021. Il Vescovo ha chiamato a farne parte:

il Rettore, il Vicerettore, il Vicario Generale, don Carlo Pagliari, don Paolo Crotti, don Nildo Rossi.

“Tra gli atti di discernimento propri del Vescovo diocesano – è scritto nella Lettera circolare della Congregazione per il Culto e i sacramenti del 10 novembre 1997 – l’ammissione agli ordini e a i ministeri è certamente uno dei più delicati e importanti per la vita della diocesi e del presbiterio. Questo atto di discernimento della idoneità di un candidato agli ordini e ai ministeri si denomina scrutinio (can.1051) e deve essere compiuto per ciascuno dei quattro momenti dell’iter della formazione sacerdotale: ammissione, ministeri, diaconato e presbiterato.

Per aiutare il Vescovo in questo compito è opportuno che in ogni diocesi vi sia un gruppo stabile di sacerdoti, che costituiscano la Commissione per gli Ordini e i Ministeri, la quale, in sessioni collegiali, assieme al vescovo studi e valuti l’ammissione dei singoli candidati”.

Il vescovo Massimo ha provveduto pertanto a rinnovare la Commissione per gli Ordini e i Ministeri in ottemperanza alla citata Lettera nonché a quanto indicato dal documento della Cei Orientamenti e Norme per i Seminari del 4 novembre 2006 (numeri 118-119).